Cracovia e dintorni

Cracovia e dintorni

zamek królewski na wawelu, w otoczeniu rabat, spacerujący ludzie

Cracovia è una città unica – oltre mille anni di storia, vecchia capitale del paese, necropoli dei re polacchi e centro culturale, educativo, scientifico ed economico della regione. È un luogo che ogni anno occupa i primi posti nelle classifiche delle città più belle e più visitate dai turisti in Europa. Non c’è da sorprendersi! La ricchezza di storia qui si tocca con mano pressoché in ogni angolo, e il suo spirito artistico si libra sopra le vie della Città Vecchia. Le stesse vie che illustri aristocratici, religiosi, scrittori e artisti hanno percorso nel corso dei secoli.

Il capoluogo della Regione Małopolska viene comunemente associato alla Chiesa di Santa Maria, al Mercato dei Tessuti - il Sukiennice, al Castello Reale del Wawel, alla leggenda del drago del Wawel e alle sfiziose ciambelle di pane cracoviane - gli obwarzanek. Tuttavia, ci sono moltissime altre attrazioni per i turisti – la ricchezza della natura, meravigliosi monumenti storici, tra cui numerosi esempi di architettura religiosa, musei moderni, prelibatezze della cucina regionale, festival europei e centinaia di istituzioni culturali, caffè e ristoranti. Come se ciò non bastasse, anche l’area nei dintorni di Cracovia ha molto da offrire ai visitatori, : monasteri, chiese in legno, musei, vigneti, aree verdi ed eventi culturali e quant’altro. A seconda delle esigenze e delle preferenze, l’area intorno a Cracovia può essere esplorata a piedi, in bicicletta o in auto. Il tempo trascorso a Cracovia e nelle località vicine si rivelerà senza dubbio indimenticabile! 

Storia antica e arte contemporanea

Cracovia è una città che ospita decine di musei estremamente interessanti. Iniziamo il tour dei musei di Cracovia dal Castello Reale del Wawel, dove si trovano le Collezioni d’Arte Statali. Nel Castello del Wawel i visitatori possono ammirare, tra le altre cose, le sale di rappresentanza e le esposizioni: il Wawel Perduto, il Tesoro della Corona, Arte d’Oriente e una collezione di opere della prima pittura italiana della collezione dei Lanckoronski.

Il Museo Nazionale di Cracovia possiede una delle collezioni più importanti, non solo in Polonia ma in tutta Europa. Nei suoi numerosi distaccamenti, si possono ammirare migliaia di opere d’arte e oggetti esposti. Cominciamo dal rappresentativo edificio principale in viale 3 Maja, dove si trova, tra gli altri, il dipinto “La ragazza con i crisantemi” di Olga Boznańska. Nella struttura del Museo Nazionale si distinguono diversi distaccamenti: Palazzo del Vescovo Erazm Ciołek (che comprende la “Madonna di Krużlowa” di autore ignoto), la Galleria di Arte Polacca del XIX secolo nel Sukiennice (in quattro sale sono presentate opere di Jan Matejko, Józef Chełmoński, Artur Grottger o Henryk Siemiradzki), la Casa di Jan Matejko, la Casa di Józef Mehoffer (il museo è completato da un pittoresco giardino progettato dall’artista), il Palazzo degli Szołayski “Feliks Jasieński”, il Museo dei Principi Czartoryski (in cui è possibile ammirare uno dei dipinti più preziosi delle collezioni polacche - “La dama con l’ermellino” di Leonardo da Vinci), la Biblioteca Czartoryski, il Museo Emeryk Hutten Czapski e il Centro di Cultura Europea “Europeum”. 

La storia della Città di Krak si può approfondire visitando il Museo di Cracovia. La sua sede principale si trova nella Piazza del Mercato. Uno dei principali scopi dell’istituzione è quello di coltivare le tradizioni locali (ecco il perché del concorso dei presepi di Cracovia, organizzato dal 1946). I numerosi distaccamenti e sezioni del Museo di Cracovia includono: Barbacane e Mura Difensive, Torre del Municipio, Sinagoga Vecchia (con la mostra permanente “Storia e cultura degli ebrei di Cracovia”), la Fabbrica di Schindler (fu qui che l’imprenditore tedesco Oskar Schindler impiegò ebrei, inserendoli nella cosiddetta lista di Schindler, risparmiandoli così dallo sterminio), la Apteka pod Orłem [Farmacia sotto l’Aquila], via Pomorska, Dom Hipolitów [Casa degli Hipolit] (la mostra permanente “Casa Borghese” ti riporterà indietro nel tempo), la Dzieje Nowej Huty [La Storia di Now Huta], Celestat, Dom Zwierzyniecki, Dom pod Krzyżem, Museo di Podgórze (con la mostra “La città sotto il tumulo di Cracovia”), Thesaurus Cracoviensis, Rydlówka, Campo di concentramento di Plaszów. Particolarmente degno di nota è un altro distaccamento del Museo di Cracovia: i sotterranei della Piazza del Mercato, aperti nel 2010, che può vantare la mostra permanente “Sulle tracce dell’identità europea di Cracovia” – un’esperienza multimediale che, grazie alle moderne tecnologie, consente di tornare ai tempi del medioevo. 

Ma non finisce qui! Per chi ama frequentare la storia e l’arte non c’è di meglio che visitare luoghi quali: il Museo della PRL (Repubblica Popolare di Polonia), il Museo Archeologico (fondato nel 1850, la più antica istituzione di questo tipo in Polonia), il Museo Ebraico Galicja (creato in una vecchia fabbrica di mobili ebraica), Il Museo Etnografico o il Museo dell’Armia Krajowa (Esercito Nazionale) Gen. Emil Fieldorf “Nila” (l’unico luogo di questo genere in Polonia).

Meritano senz’altro una visita anche i musei dell’Università Jagellonica: il Museo dell’Università Jagellonica Collegium Maius (dove è possibile ammirare oggetti legati alla storia dell’università, tra cui gli strumenti astronomici utilizzati da Niccolò Copernico) e il Museo della Farmacia dell’Università Jagellonica (le mostre occupano cinque piani, tra cui i sotterranei e la soffitta, e una delle sale è stata dedicata a Ignacy Łukasiewicz – inventore della lampada a cherosene e pioniere dell’industria petrolifera in Europa). 

Altri interessantissimi musei di Cracovia sono: Laboratorio e Museo delle Vetrate, Lamus Teatralny (una mostra aperta nel 2016 per chi desidera conoscere la nascita di uno spettacolo dietro le quinte), il Museo di Ingegneria Urbana (situato nelle sale storiche del più vecchio deposito di tram di Cracovia), il Museo di Arte e Tecnica Giapponese “Manggha” (un curiosità: il regista Andrzej Wajda, affascinato dalle opere degli artisti giapponesi, contribuì in modo significativo alla creazione di questo luogo), Centro del Vetro e della Cermaica Lipowa, Giardino delle Esperienze (parco scientifico sensoriale per bambini e giovani), Museo delle Assicurazioni (l’unico al mondo di questo genere), il Museo dell’Ambra, la Cricoteca (dedicata al grande uomo di teatro e pittore Tadeusz Kantor, nell’edificio dell’ex centrale elettrica ospita mostre e discussioni) e il Museo del Flipper.

Altri due famosi musei di Cracovia meritano una menzione a parte. Il primo di questi è il Museo dell’Aviazione Polacca, nell’area dell’ex aeroporto, dove troviamo numerosi oggetti legati alla storia dell’aviazione, tra cui oltre 200 aerei! Il secondo luogo molto importante sulla mappa dei musei di Cracovia è il MOCAK – il Museo di Arte Contemporanea. Inaugurato nel 2010, il Museo si trova nell’area dell’ex fabbrica di Schindler. La sua missione è presentare l’arte contemporanea e al tempo stesso realizzare progetti educativi. La collezione permanente comprende opere di artisti di tutto il mondo. Si tratta di uno dei musei di Cracovia più visitati dai turisti. 

Alla ricerca di musei interessanti, possiamo anche spostarci fuori città. In questo caso le nostre proposte sono il Museo dell’Abbazia di San Sant’Adalberto a Staniątki, il Museo di Tyniec, il Museo Regionale del Territorio di Miechów, le mostre artistiche del BWA “U Jaksy” a Miechów e i musei di Niepołomice: Museo Niepołomickie, Museo della Fonografia (l’unico museo di questo tipo in Polonia) e Museo Forestale di Niepołomice.

A piedi, in bicicletta o magari... con il wakeboard?

Cracovia e i suoi dintorni hanno tantissimo da offrire a chi ama passare il tempo libero in modo attivo. Gli amanti del ciclismo, del divertimento acquatico e dell’arrampicata su roccia troveranno qualcosa che fa per loro. Partiamo però dalle passeggiate, perché a piedi (o con un piccolo aiuto dai mezzi pubblici) si possono scoprire dei veri e propri tesori. Mettiamoci dunque in cammino!
Uno dei modi più interessanti per esplorare Cracovia a piedi è percorrere l’itinerario Młodopolska Małopolska, il cui tratto compreso nel territorio di Cracovia comprende 13 luoghi ed edifici alla storia della Giovane Polonia. Partiamo dal cuore del centro storico, dal Teatro Juliusz Słowacki, poi procediamo verso l’Accademia di Belle Arti, la Chiesa di Santa Maria, la Casa di Józef Mehoffer e il Palazzo Szołayski. La parte di Cracovia dell’itinerario trova coronamento nel Museo Rydlówka, in una casa costruita alla fine del XIX secolo da Włodzimierz Tetmajer. Passeggiando per la città si può anche optare per il Percorso della Street Art, che include 19 siti con impressionanti murales, tra cui volti di persone legati a Kazimierz in via Józefa o il famoso “Indiano” in via Wawrzyńca.
Cracovia è il luogo ideale per gli amanti del turismo religioso. Prima di tutto a causa del percorso che conduce attraverso i luoghi legati a papa Giovanni Paolo II, che sono innumerevoli in questa città: solo per citarne alcuni, la chiesa dell’Arca del Signore, il parco Błonia e la roccia papale lì collocata, o la famosa finestra papale in via Franciszkańska. Cracovia è un posto unico in questa parte d’Europa in termini di numero di tombe di persone riconosciute come santi o beati, e lo scopriremo seguendo il Percorso dei Santi di Cracovia, che conduce attraverso 19 chiese, dalla Basilica Cattedrale del Wawel al Santuario della Divina Misericordia di Łagiewniki. Va senz’altro ricordato anche il Sentiero dei Cavalieri del Santo Sepolcro della Regione Małopolska, le cui due tappe cracoviane sono l’ex chiesa di Santa Jadwiga nel quartiere Stradom e la chiesa di Santa Barbara, nelle vicinanze della Basilica di Santa Maria in Plac Mariacki. I Cavalieri del Santo Sepolcro di Gerusalemme furono portati a Cracovia dalla vicina Miechów. 

Per coloro che preferiscono impiegare attivamente il tempo libero in magnifici contorni naturali, consigliamo una passeggiata attraverso il famoso parco Błonia (uno dei più grandi prati d’Europa nel centro della città), combinata con visite al vicino Bosco Wolski, dove si trova lo zoo e la riserva paesaggistica naturale – Panieńskie Skały (a cui si giunge seguendo il percorso giallo). Una visita al centro della città è una grande opportunità per passeggiare lungo nei viottoli del Giardino Botanico dell’Università Jagellonica (il più antico giardino botanico della Polonia). Vicino a Cracovia si trova anche il percorso della Foresta Uroczyska, che porta da Niepołomice a Stanisławice. Durante la camminata di 18 km, attraverseremo la Via Reale, lungo la quale un tempo i monarchi polacchi si recavano nel folto nella foresta per cacciare.

Anche gli amanti del ciclismo non resteranno delusi. Vicino alla città ci sono percorsi creati nell’ambito del progetto Velo Małopolska, tra gli altri Velo Natura o la Pista Ciclabile della Vistola. Ai ciclisti vengono proposti svariate giri a tema, ad es. “Attraverso campi, prati e riserva forestale”, “All’ombra della foresta di Niepolomice” o “Sentiero di Kościuszko”. Di estremo interesse è il “Percorso della Fortezza di Cracovia”, di carattere storico, culturale e turistico. Comprende fino a 100 siti militari, tra cui 38 forti. Il suo tratto settentrionale è lungo 61 km, mentre quello meridionale 41 km. Consigliamo anche il Sentiero del Fronte Orientale della prima guerra mondiale (tracciato da Cracovia a Książ Wielki) e il percorso “Sul campo di battaglia di Racławice” per i 35 km dai confini di Cracovia - Racławice.

E che ne dite di una gita sull’acqua? I Cracovia passano il loro tempo libero in estate sul laghetto Bagry, a Przylasko Rusiecki, a Kryspinów e sul laghetto di Nowa Huta. Gli amanti del divertimento acquatico, incluso il rafting, saranno sicuramente interessati al percorso per kayak “Kolna”, mentre gli appassionati di wakeboard dovrebbero assolutamente visitare i citati Przylasek Rusiecki e Bagry. Se il tempo lo permette, vale la pena di andare in barca o in gondola sulla Vistola (vengono organizzati anche romantici giri sotto le stelle). Alle famiglie con bambini possiamo suggerire il Parco Acquatico, dove vi attendono 8 scivoli d’acqua per una lunghezza totale di 800 metri, mentre chi desidera combinare il relax con la rigenerazione biologica - la spa Swoszowice, dove è possibile usufruire dei benefici delle sulfuree acque curative.

Ma non è tutto! Per chi ama trascorrere il proprio tempo libero attivamente, Cracovia e la zona circostante hanno da offrire, per esempio, la pista da sci Slawicki Raj (situata a circa 35 km da Cracovia nel centro sciistico di Połajowice), le scuole di equitazione a Michałowice o numerosi luoghi per l’arrampicata su roccia, come Zakrzówek, Krzemionki, la cava Liban. In poche parole, annoiarsi in questa città è davvero difficile!

Cracovia capitale culturale della Polonia

Non vi è dubbio che Cracovia sia un importante centro di vita culturale e turistica a livello europeo, e ciò è confermato dal titolo di Capitale Europea della Cultura, assegnato alla città nel 2000, e dal titolo di Città della Letteratura dell’UNESCO, che include Cracovia nel programma Rete delle Città Creative dell’UNESCO.  Il numero di cinema, teatri o eventi culturali può far girare la testa! Non c’è da sorprendersi. Basti dire che un tempo percorrevano le strade del centro storico di Cracovia letterati come Wisława Szymborska, Stanisław Wyspiański o Stanisław Lem. Proprio a Cracovia nacque il primo cabaret letterario polacco “Zielony Balonik” [Il palloncino verde], nella pasticceria di Apolinary Michalik, dove si incontravano artisti, politici e aristocratici della Małopolska (il famoso “Jama Michalika” esiste ancor oggi come caffè-ristorante). Altri importanti luoghi di incontro per artisti e attivisti di Cracovia sono la “Piwnica pod Baranami” e il “Klub pod Jaszczurami”. La città è anche un luogo dove vengono coltivate con grande cura delle bellissime tradizioni, come la processione del Lajkonik, Wianki, le usanze pasquali – Emmaus e Rękawka, oppure i mercatini di Natale. Merita una menzione speciale l’arte del presepe di Cracovia, che è stata iscritto nella Lista del Patrimonio Immateriale dell’UNESCO.

Cracovia è anche una città di festival! Elencarli tutti sarebbe impossibile, ma vale la pena menzionarne alcuni, che sono famosi non solo in tutto il paese, ma anche all’estero. Tra questi vanno certamente inclusi i festival musicali Misteria Paschalia (festival europeo di musica rinascimentale e barocca), Sacrum Profanum (uno dei festival di musica contemporanea più interessanti in Europa), Live Festival (ogni anno presso il Museo dell’Aviazione Polacca si esibiscono star della musica di livello mondiale), EtnoKraków/Rozstaje (festival di musica tradizionale, etnica e folk) e il festival di musica elettronica Unsound. In città si tengono anche famosi festival cinematografici: il Film Music Festival, il Krakow Film Festival e il Festival di cinema indipendente Off Camera. Altri importanti eventi culturali sono: il Mese della Fotografia, la Grande Parata dei Draghi (uno spettacolo all’aperto durante il quale lungo il fiume Vistola scorrono enormi draghi gonfiabili), il Festival di Cultura Ebraica (che conta circa 200 eventi che promuovono la cultura ebraica), oltre al Conrad Festival (festival letterario legato alla Fiera del libro).

Gli eventi più interessanti che si svolgono nei dintorni di Cracovia includono la Ricostruzione della Battaglia di Racławice, la Marcia sul Sentiero Kadrówki, le Giornate di Gerusalemme a Miechów (organizzato ogni 2 anni) e le Giornate del Cavolo a Charsznica.

Cracovia vanta anche ricche tradizioni culinarie e prodotti regionali. Tra i prodotti locali famosi ricordiamo, tra gli altri: il cavolo di Charsznica, krakowska kiełbasa sucha (salsiccia secca di Cracovia), la specie polacca “gallina dalle zampe verdi”, i salumi di Proszowice, il pane di Prądnik, l’aglio galiziano e i prodotti benedettini di Tyniec. Naturalmente non bisogna dimenticare uno dei simboli della città – l’obwarzanek, una sorta di ciambella di pane (per coloro che vogliono saperne di più sulla sua storia, consigliamo una visita al Museo dell’Obwarzanek).

Se siamo alla ricerca di esperienze gustative, consigliamo fare visita a uno dei locali dell’Itinerario del Buongustaio della Małopolska. A Cracovia e dintorni comprende taverne e ristoranti come: “Wesele”, “Miód i Malina”, “Ogniem i Mieczem”, “W Starej Kuchni”, “Morskie Oko”, “Pod Aniołami” (tutti i ristoranti elencati si trovano a Cracovia) e “Antolka” a Książe Wielki.

Tuttavia, non di solo cibo vive l’uomo. Per gli amanti del vino, è stata predisposto l’Itinerario del Vino della Małopolska, che comprende, tra gli altri, i seguenti vigneti: “Kresy” (Rzeplin vicino a Skała), “Srebrna Góra” (Cracovia), “Dosłońce” (Racławice), “Nad Dobrą Woda” (Garlica Murowana) e “Słońce i Wiatr” (Świńczów). Alla salute!

Multimedia