Facebook link

Nei dintorni di Babia Góra - Obiekt - VisitMalopolska

Indietro

Babia Góra Jana Pawła II

Nei dintorni di Babia Góra

Góry porośnięte lasem i górująca nad nimi Babia Góra
Zawoja
Organizzatore: Babiogórski Park Narodowy
Un’altra meta di frequenti escursioni in montagna di Karol Wojtyła era costituita da Babia Góra e dalle vicine vette più basse.
Sulla cima più alta di Babia Góra, il Diablak (1725 m), si trova un monumento eretto nel 1996 dagli slovacchi per commemorare il pellegrinaggio di Giovanni Paolo II in Slovacchia. Appena sotto la cima, in una nicchia rocciosa, i soccorritori del Soccorso Forestale hanno collocato una statua della Madonna (e una targa commemorativa) come offerta votiva per aver salvato il Papa dall’attentato del 1981. I viaggiatori che scalano la montagna possono riposarsi nel moderno rifugio dell’Associazione Turistico-Paesaggistica di Markowe Szczawiny. Il massiccio Babia Góra è adiacente alla Catena Polica, attraverso la quale - dalla chiesa di Skawica, vicino al rifugio sulla cima Krupowa, vertice della Polica (1367 m s.l.m.) fino al passo Krowiarki - passa il Sentiero “dell’Ultimo viaggio”, che il cardinale Wojtyła percorse, tra gli altri, con padre Stanisław Dziwisz nel 1978, poco prima di partire per il conclave a Roma.