Facebook link

Parco Strzelecki a Tarnów - Obiekt - VisitMalopolska

Indietro

Park Strzelecki Tarnów

Parco Strzelecki a Tarnów

Rozległy park z zielonymi drzewami i stawem, pośrodku którego znajduje się mauzoleum z kolumnami
ul. Piłsudskiego 39A, 33-100 Tarnów Regione turistica: Tarnów i okolice
Il parco è una delle aree verdi più apprezzate della città, per la vegetazione ma anche per le caratteristiche architettoniche. Questo parco è un organismo vivente in continua trasformazione e sottoposto a frequenti rinnovamenti.

Il parco ricoprì la funzione di giardino pubblico della città sin dal principio, nel 1866. A quel tempo, dalle fattorie Dyksonówka e Podwale situate alla periferia della città, fu separato un appezzamento di diversi ettari destinato a poligono di tiro e a giardino pubblico. Nell’area ottenuta nel 1866 dal Comune, l’Associazione dei Tiratori costruì la propria sede e un poligono di tiro con terrapieni, il cui profilo è tuttora visibile. Nel resto dell’appezzamento fu allestito un parco, chiamato sin dall’inizio “strzelecki” (“del poligono”), progettato in stile modernista da Antoni Schmidt. Nel 1879 nel parco fu costruita l’aranciera secondo il suo progetto, e nel 1884 un gazebo. Il parco era diviso in due parti, la parte da est per le passeggiate e la parte da ovest adibita a uso agricolo. La parte agricola era costituita da un orto di verdure (ora giardino per bambini) e da un orto pomologico, ovvero da vivai di alberi da frutto e ornamentali (ora pendio sopra il giardino per bambini).


Qui l’edificio di maggior impatto è il palazzo neogotico della Compagnia dei Tiratori del 1866, oggi sede della Galeria Miejska BWA (Galleria d’arte municipale). L’adiacente edificio in stile liberty viennese è l’abitazione del giardiniere comunale. La sua costruzione fu completata nel 1907. Nel 1912, su un’aiuola in cima alla collinetta, fu collocata una fontana con la statua della dea Ebe e di quattro leoni. Nel 1912 fu collocata nelle vicinanze una fontanella d’acqua, opera di J.A Mipert, a forma di colonnina con un recipiente per l’acqua. Nel 1913 la parte agricola fu trasformata in parco per bambini.


Il luogo più famoso nel parco, e uno dei simboli della città, è il Mausoleo di Józef Bem con l’urna con le ceneri del generale deposte in un sarcofago, eretto negli anni 1927-1928 nel mezzo del laghetto del parco, progettato da Adolf Szyszko-Bohusz.


Nel 1927 il parco fu recintato con una porta monumentale. Questa è un’ampia area verde con abbondante fauna e alberi secolari, tra i quali sorgono splendidi monumenti della natura. Le specie dominanti sono l’acero, di specie autoctone (comune, montano e campestre) ed esotiche (saccarino, americano), oltre all’acero di Cappadocia, molto raro nel paese. Qui crescono anche alberi provenienti da tutto il mondo, come liriodendro, il platano, tsuga canadese, abete di Douglas, ginkgo biloba e ippocastano. Alcuni alberi provengono da impianti originali e hanno circa 150 anni, come le querce nel vialetto lungo via Piłsudskiego. È presente anche un percorso naturalistico-didattico, che prevede soste davanti alle specie vegetali più interessanti. Per concedersi un piacevole momento di riposo si può approfittare di una delle panchine disposte lungo i vialetti e nel parco giochi per bambini.