Facebook link

Museo d’Arte e Tecnica Giapponese di Manggha a Cracovia - Obiekt - VisitMalopolska

Indietro

Muzeum Sztuki i Techniki Japońskiej Manggha Kraków

Museo d’Arte e Tecnica Giapponese di Manggha a Cracovia

Muzeum Sztuki i Techniki Japońskiej Manggha w Krakowie
Konopnickiej 26, 30-302 Kraków Regione turistica: Tarnów i okolice
tel. +48 122672703
La linea ondulare del tetto della sede del Museo d’Arte e Tecnica Giapponese di Manggha fa riferimento alle onde della Vistola.
La forma originale e moderna dell’edificio, in cui si trova il museo, è opera di un famoso architetto contemporaneo giapponese – Arata Izosaki, mentre l’iniziatore della formazione dell'uso era un noto regista polacco – Andrzej Wajda. Nonostante la modernità, il carattere dell’edificio si riferisce all’architettura giapponese tradizionale. La base delle raccolte del museo è costituita dalla collezione dello scrittore e collezionista Feliks Jasieński (1861–1929), donata da lui al Museo Nazionale di Cracovia nel 1920. Jasiński, affascinato dalla cultura del Giappone, era soprannominato Manggha. L’enorme collezione d’arte giapponese conta ben 6500 esemplari. Una parte rilevante è rappresentata da grafiche e bassorilievi dei secoli XVII–XIX dei più grandi maestri giapponesi, tra i quali Suzuki Harunobu, noto come il “padre della silografia a colori giapponese” e i famosi Kitagawy Utamaro e Ichiryūsai Hiroshige. Interessanti sono anche oggetti militari giapponesi: spade e scudi ornamentali, corazze da samurai, insieme a maschere ed elmi. Lasciano stupefatti, grazie alla loro misteriosità, gli oggetti fatti di lacca, tra i quali cofanetti, scrigni, coppe, e anche mobili miniaturistici. Manggha non è un museo qualunque, ma anche un attivo centro di cultura. Vengono organizzati numerosi eventi ai fini di propagazione della conoscenza del Giappone, della sua cultura, dell’arte e delle usanze.