Facebook link

Castello di Spytkowice - Obiekt - VisitMalopolska

Indietro

Zamek Spytkowice

Castello di Spytkowice

Duży budynek na planie litery U. Zamek ma ściany w kolorze żółtym, wysoki dach i duże schody prowadzące do wejścia.
Zamkowa 48, 34-116 Spytkowice Regione turistica: Beskid Żywiecki i Orawa
tel. +48 338791605
Fu edificato sulle fondamenta di un castello medievale. Al suo interno si sono conservati degli elementi gotici, rinascimentali e barocchi.

La fortezza originaria, eretta nel XV secolo da un castellano di Stary Sącz di nome Piotr Myszkowski, consisteva in un edificio in legno a pianta rettangolare circondato da un muro con torri agli angoli. A cavallo tra il XV e il XVI secolo fu invasa e distrutta. Nel XVI secolo il vescovo di Cracovia (Kraków), Wawrzyniec Myszkowski, fece costruire in questo luogo un castello in stile gotico-rinascimentale. Queste caratteristiche architettoniche furono cancellate in seguito a una nuova ristrutturazione, avvenuta nel 1630. Fu così eretta una residenza a due piani in stile primo-barocco. La sua struttura a tre ali circondava un cortile rettangolare, dotato di porticato e chiuso sul quarto lato da un muretto. Due torri quadrate si ergevano davanti alla facciata. Della terza torre, iniziata nel XVIII secolo e mai completata, rimasero solo le fondamenta. In seguito il palazzo cambiò più volte proprietario. Appartenne agli Opaliński, ai Lubomirski e ai Potocki. L’ultimo proprietario, dal 1872 al 1908, fu il conte Adam Potocki, che aprì un allevamento di pesci negli stagni che circondavano il castello. Una delle carpe che vi furono allevate vinse nel 1900 il Gran Prix all’Esposizione Internazionale di Parigi. Dopo la Seconda guerra mondiale l’edificio, ormai in rovina e devastato da un incendio, venne nazionalizzato. Fra gli anni ‘70 e ‘90 del XX secolo fu ristrutturato per ripristinarne la struttura originale del XVII secolo, poi divenne sede della filiale di Cracovia dell’Archivio di Stato (Archiwum Państwowe). All’interno si sono conservati dei portali in pietra tardo-gotici, rinascimentali e barocchi.


Obiekty na trasie